e-fattura
HUB B2B, Unimatica risponde ai quesiti
La società che gestisce il portale di categoria fornisce chiarimenti agli iscritti e annuncia l’imminente risoluzione di alcuni bug. Dal 4 febbraio online la seconda release del software

Pubblichiamo una selezione dei quesiti formulati dagli iscritti relativamente al funzionamento del Portale HUB B2B e le relative risposte fornite da Unimatica. La società annuncia che sarà a breve online una revisione del software che risolve le principali anomalie riscontrate. La seconda release del software sarà invece disponibile dal prossimo 4 febbraio.

 

1) In molto casi i dati inseriti per il cedente vengono persi in continuazione, ogni volta che si fa il logout, per cui si è costretti a reinserirli ogni volta.

 

Se è stato confermato con il bottone verifica, allora i dati sono sicuramente salvati.

 

2) Una volta inserita una riga ed aggiunta un'altra, non si può rientrare sulle righe precedenti per correggere eventuali errori, ma si può solo eliminarle per poi inserirle ex novo.

 

Occorre inserire le righe dell’anagrafica e non direttamente dalla fattura.

 

3) Non avete previsto la possibilità di inserire allegati (importanti per la rendicontazione delle spese da rimborsare).

 

Questa possibilità sarà disponibile in produzione con un’imminente revisione.

 

4) Una volta salvata la fattura, la descrizione, in caso di modifica della fattura stessa, non si modifica automaticamente, né si può cambiare manualmente, così capita che nella descrizione ci sia un numero diverso da quello che si è poi modificato. L'unica alternativa sembra essere l'annullamento della fattura per poi rifarla ex novo.

 

La possibilità di modificare manualmente la “label” della fattura sarà inserita nella prossima release della piattaforma (si evidenzia che questa funzionalità aggiuntiva non è vincolante e/o bloccante per l’uso della piattaforma).

 

5) Il programma non effettua automaticamente il calcolo della ritenuta sugli imponibili indicati come soggetti alla stessa.

 

Fermo restando che è possibile inserire manualmente la ritenuta, questa funzionalità aggiuntiva sarà operativa con la release 2 della piattaforma (prevista per il 4 febbraio 2019), comprendendo tutte le casistiche del calcolo della ritenuta, attualmente in fase di implementazione.

 

6) il Programma non effettua automaticamente il calcolo del totale fattura, per cui bisogna inserirlo manualmente, facendo a parte i conti.

 

L’importo totale si vede nel riepilogo. Nella piattaforma, in fase iniziale è stato lasciato volutamente visibile anche il campo aggiuntivo del totale fattura, rispetto al totale calcolato, in quanto previsto dalle specifiche dell’Agenzia delle Entrate del XML fattura elettronica. Concordiamo sul fatto che tale impostazione può generare inutili incomprensioni ed errori e quindi nella prossima revisione tale dualismo verrà eliminato.

 

7) Il programma ha impiegato 4 minuti e mezzo per spedire una fattura. Un tempo davvero impensabile, sapendo che gli altri programmi spediscono in pochissimi secondi

 

Dai riscontri provenienti dai nostri sistemi di monitoraggio risultano tempi di elaborazione fattura di alcuni secondi. Nel caso specifico, potrebbero essersi verificate situazioni contingenti e specifiche (ad esempio per la concomitanza di rilasci di patch e revisione software della piattaforma, in questa fase abbastanza frequenti) che potrebbero aver congestionato temporaneamente le code di elaborazione. In ogni caso la problematica è da parte nostra sotto analisi ed osservazione continua e sarà nostra cura fornire più dettagliate informazioni in merito ai tempi medi di elaborazione, basati su volumi ed archi temporali significativi.

 

8) Ho notato che il portale non tiene in considerazione la numerazione progressiva. Bisogna inserire il numero manualmente.

 

La numerazione progressiva rigida e automatica delle fatture non è attualmente prevista dal Portale, perché potrebbe generare buchi di fatturazione, di difficile gestione a posteriori.

 

9) Problemi di visualizzazione anteprima: pare sia causato dalla presenza di caratteri speciali.

 

Questa possibilità sarà disponibile in produzione con l’imminente revisione.

 

10) Modulo B2C: deve essere un previsto un modulo dedicato?

No

 

11) Errore 401: risolto? (Problemi nel re-inserimento di un cliente precedentemente cancellato).


L’errore <401> si verifica nelle sole situazioni di modifica della PEC di un cliente già censito. Questo perché, dopo aver fatto la modifica, il portale, in fase di login del cliente, non riconosce la PEC modificata. E’ un errore di sistema che non inficia l’operatività di tutti gli altri clienti. Il problema è stato identificato e corretto in questi giorni e la soluzione sarà a breve messa in produzione.

 

 

Condividi su:      

© Copyright 2010  CNDCEC  - Piazza della Repubblica n. 59 - 00185 Roma - CF e P.Iva 09758941000 Tutti i diritti riservati Note legali  - Privacy
info@commercialisti.it  | consiglio.nazionale@pec.commercialistigov.it  | credits